[Attività Tipologia F] “Giorno della Memoria” (3 CFU)

Il seminario sarà inserito come Attività di tipologia F (3 CFU). Vista la possibilità di accettare soltanto 25 iscrizioni, l’attribuzione dei CFU è riservata agli studenti del terzo anno triennale, della magistrale, laureandi e fuoricorso di tutti i CdS appartenenti al Dipartimento di Scienze Umanistiche.

Si procederà, per questo motivo, a prendere le firme degli studenti che si iscriveranno al convegno. 

 

Il 27 gennaio – in ricordo di quel 27 gennaio 1945, in cui le truppe sovietiche liberarono il campo di concentramento di Auschwitz – si celebra il Giorno della Memoria per ricordare le vittime della Shoah.

Nel 20 luglio 2000 il Parlamento italiano ha aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime del popolo ebraico e di tutte le minoranze su cui si abbatté la barbarie del nazismo e del fascismo, dunque in onore di coloro che, a rischio della propria vita, hanno protetto i perseguitati dalla ferocia degli aguzzini.

A tal proposito, il Dipartimento di Scienze Umanistiche ha deciso di organizzare il seminario dal titolo “Giorno della memoria”, contribuendo dunque alla sensibilizzazione di tale giorno.

 

Di seguito il programma delle giornate:

 

28 Gennaio 2019 (Complesso Steri – Sala delle Capriate)

ore 9.00 / Saluti delle autorità

Fabrizio Micari – Rettore dell’Università degli Studi di Palermo

Laura Auteri – Prorettore alla Didattica dell’Università degli Studi di Palermo

Francesca Piazza – Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche

Giorgio Cavadi – USR Sicilia

 

ore 9.20 / Parole contro l’oblio

Introducono Francesco Paolo Alexandre Madonia e Daniela Tononi

 

ore 9.40 / Cocò Gulotta legge:

Primo Levi, Anna Frank, Paul Celan, Marguerite Duras, Nelly Sachs, Vasilij Grossman, Boris Pahor, Elie Wiesel, Pierre Seel, Charlotte Delbo.

 

ore 10.10/ Massimo Privitera introduce:

Son Morto che ero bambino. Guccini va ad Auschwitz (2017)

Soggetto, sceneggiatura e regia: Francesco Conversano, Nene Grignaffini

Canzone del bambino nel vento (Guccini)  esegue Ciccio Piras

 

ore 11.30 / Matteo Di Figlia, Antonio Fraschilla:

Politiche della memoria

 

ore 12.00  Alessia Cervini:

Rappresentare l’irrappresentabile: il cinema e il racconto della Shoah

 

ore 12.20 Livia Romano:

Janusz Korczak (1878-1942) educatore di una nuova umanità

 

ore 13.00

Inaugurazione della Mostra JANUSZ KORCZAK E I DIRITTI FONDAMENTALI DEI BAMBINI (Sala delle Armi, Complesso Steri, visitabile dal 25 gennaio  2019 al 6 febbraio 2019)

La Mostra Janusz Korczak e i diritti fondamentali dei bambini è stata realizzata dall’Associazione Figli della Shoah con il contributo del Fondo Internazionale di Assistenza alle Vittime del Nazismo, Legge 249/2000 e della Conference on Jewish Material Claims Against Germany

 

29 gennaio 2019 (Viale delle Scienze, edificio 12, Aula Magna)

ore 9.00 Saluti istituzionali

 

ore 9.30, I sessione – Moderatore: Leonardo Samonà

Sandro Mancini (Scienze umanistiche):

Le razze non esistono. Le conseguenze etiche del cortocircuito tra ontologia e gnoseologia, nel persistere dell’antisemitismo 

 

Dario Oliveri (Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione):

Ebraismo di Arnold Schoenberg fra memoria e testimonianza

 

Michele Cometa (Culture e società):

Tre istantanee sulla dimenticanza (anche ebraica)

 

Coffee break

 

ore 11.00, II sessione – Moderatore: Laura Auteri

Valeria Cammarata (Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione):

Ombre di memoria. Da Ellis Island di Georges Perec alla rotta balcanica di Richard Mosse

 

Natascia Barrale (Scienze umanistiche):

Leggi razziali e letteratura tedesca nei cataloghi editoriali italiani: la svolta del 1938

 

Francesco Paolo Alexandre Madonia (Scienze umanistiche):

Omosessualità e nazismo nella letteratura francese contemporanea

 

ore 18.00, Cinema De Seta, Cantieri Culturali della Zisa, Via Paolo Gili n. 4

Introduce Alessia Cervini

Il figlio di Saoul, di László Nemes, Ungheria, 2015, 107 Mn

Ingresso libero

 

30 gennaio 2019 (Edificio 12, Aula Magna)

ore 9.30, III sessione – Moderatore: Mari D’Agostino

 

Rita Calabrese (Culture e società):

Forme dell’odio, forme della memoria

 

Gabriella De Marco (Scienze umanistiche):

“La memoria come patrimonio di sofferenza”. Le pietre d’inciampo di Gunter Demnig in via di Madonna dei Monti a Roma

 

Duccio Colombo  (Scienze umanistiche)

Babij Jar: l’olocausto taciuto e l’arte dell’eufemismo

 

ore 11.00, IV sessione – Moderatore: Francesca Piazza

Salvo Di Piazza (Scienze umanistiche):

La lingua alla prova dei lager

 

Matteo Di Figlia (Scienze umanistiche):

Le autobiografie degli storici. Studi sulla Shoah e percorsi familiari

Conclusioni

 

Si avvisano gli studenti che, alla fine degli incontri, dovranno sottoporsi alla prova finale di valutazione, necessario per il conseguimento e l’attribuzione dei 3 CFU. Per informazioni sulla prova di fine seminario, clicca QUI.

 

 

PER ISCRIVERTI CLICCA QUI

 

Lascia un commento