[Laboratorio “Incontro con gli scrittori, Tecniche digitali e analisi del testo: Il Caso Ferrante]

Si comunica alla comunità studentesca che giorno 31 Maggio 2018 si terrà un incontro laboratoriale riguardo Il Caso Elena Ferrante, organizzato dalla Cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea e dal Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Palermo. L’incontro si terrà a partire dalle ore 9:30 in Aula Magna, presso l’Edificio 12, Viale delle Scienze.

Durante l’incontro si tratterà della figura della scrittrice italiana Elena Ferrante, (Napoli, 1943). L’elusività che circonda l’autrice ha alimentato un piccolo, ma tenace mistero nella comunità letteraria, per questo docenti di varie aree disciplinari propongono di affrontare tale questione.

Di seguito il programma degli interventi:

SESSIONE MATTUTINA- ORE 9:30

Saluti del Direttore del Dipartimento- PROF. L. SAMONÀ;
Introduzione di D. PERRONE, I libri una volta scritti non hanno bisogno dei loro autori;

10:00 A. TUZZI, Tracce lessicali di Elena Ferrante: una lettura quantitativa;

10:30 M. CORTELAZZO, Tracce lessicali di Elena Ferrante: una lettura qualitativa;
11:00 S. GATTO, L’amica geniale. La necropoli dell’anti-mito familiare;
11:30 D. LA MONACA, Dallo “spaesamento” alla “smarginatura”. Echi ortesiani nella narrativa di Elena Ferrante;

12:00 C. GARGANO, Elena Ferrante dalle colonne del “The Guardian”;

12:30 L. LONGO, Una prima esperienza metodologica di analizi informatizzata: il macrotesto di E. Ferrante;

 

SESSIONE POMERIDIANA- AULA SEMINARI, EDIFICIO 12 ORE 15:00

V. CASTAGNA, L’amica geniale in Inghilterra: il caso dell’adattamento radio di Timberlake Wertenbaker;

A. POLIZZIA. PINELLO, Il caso Ferrante nel mondo ispanico;
A. DI BELLA, Elena Ferrante in Germania: un caso letterario tra realtà e fantasia;
A. VELEZ, Elena Ferrante in Francia;

Lettura della testimonianza inviata dalla traduttrice cinese Chen Ying;

Intervengono L. ALIFFI, L. AMENTA, D.COLOMBO, A. MADONIA, A. PELLITTERI, G. TAMBURELLO;

Approfondimenti degli studenti dei Laboratori.

Lascia un commento