[Resoconto] Consiglio di Corso di studi 21/6/16 Lingue e Lett. moderne & Mediaz. Ling. e Lingue e Letterature dell’Oriente e dell’Occidente

VivereLettereTEcco in punti, il Resoconto Del Consiglio Interclasse di Lingue e letterature moderne e Mediazione Linguistica – italiano come seconda lingua (L11-L12) e Lingue e Letterature dell’Oriente e dell’Occidente (LM37-LM36) tenutosi in data 21 Giugno 2016:

  • COMUNICAZIONI DEL COORDINATORE (Prof.ssa Enrica Cancelliere)

Il Coordinatore di Corso, la prof.ssa Enrica Cancelliere, ha informato il Consiglio della possibilità, in particolare per gli studenti ispanisti laureatisi alla Laurea Magistrale, di partecipare a un Bando di concorso per l’ammissione ai corsi di Dottorato di Ricerca presso l’Università degli studi di Pavia, con scadenza 8 luglio ore 17 (ora italiana), Per visionare il bando per l’ammissione ai corsi di dottorato, collegarsi al link www.unipv.it/dottorati. Per ulteriori informazioni si invitano gli studenti a rivolgersi direttamente alla Prof.ssa Cancelliere.

Il Coordinatore ha altresì comunicato al Consiglio di una prescrizione ministeriale secondo la quale le schede di trasparenza di ciascuna materia all’interno dell’Ateneo dovrebbero essere fruibili sia in italiano che in inglese. Questo agevolerebbe la consultazione delle stesse da parte di studenti Erasmus o eventuali studenti stranieri che si iscrivono nel nostro Ateneo. Dopo un ampio dibattito in cui sono emerse varie criticità, si è proposto di elaborare un documento, e dunque rinviare tale discussione a un prossimo Consiglio, per comunicare le stesse all’ente che gestisce e controlla la qualità degli Atenei italiani, l’ANVUR. Inoltre, vi sarà anche un gruppo di supporto alla traduzione organizzato dal Presidente del CLA, la Prof.ssa Ardizzone, che collaborerà alla realizzazione di tale operato.

  • PROBLEMI RELATIVI ALLA DIDATTICA

Per quanto riguarda le lauree triennali, si è discusso dell’enorme disagio arrecato ogni anno alle famiglie nel dover necessariamente effettuare la discussione della tesi e la proclamazione in due giorni distinti. Tale necessità deriva dalla mancanza di aule disponibili, dato che tutte le lauree della Scuola si svolgono nell’ex Facoltà di Lettere e Filosofia, e dal numero non indifferente di laureandi, soprattutto nelle sessioni di Ottobre e Febbraio-Marzo. A tal proposito il Prof. Velez ha comunicato al Coordinatore di volersi muovere in proposito, esortando la Scuola a trovare una soluzione. Il Coordinatore, dopo aver espresso la sua approvazione, ha altresì proposto al Consiglio di esortare la Scuola a trovare una soluzione al problema spazio, il quale obbliga i candidati a fare assistere alla loro discussione (e secondo alcune indiscrezioni, forse in futuro anche alla proclamazione) soltanto 7 persone, circostanza profondamente irrispettosa nei confronti dei candidati e delle loro famiglie.

Altro tema discusso è stato quello riguardante la diluizione dei CFU relativi al settore “Lingua e Traduzione” in tre anni (9, 9 e 6 CFU), a partire dal prossimo anno accademico. I Rappresentanti degli studenti hanno chiesto al Consiglio un parere riguardo la seguente situazione: uno studente immatricolato nell’anno 2015/2016 o nei precedenti, e dunque con un manifesto in cui le lingue valgono 12 CFU, come potrà ovviare la mancanza di 3 CFU nel momento in cui, per una qualsiasi ragione, dovrà frequentare o rifrequentare un corso di lingua nell’anno 2016/2017, in cui le stessa varrà 9 CFU? Dopo un dibattito con il consiglio, lo stesso ha deciso che lo studente in tale situazione dovrà concordare con il docente la parte mancante di programma che dovrà svolgere, attenendosi il più possibile, laddove non vi sia la volontà di approfondire o aggiungere qualche aspetto, alla scheda di trasparenza riguardante il proprio contratto di immatricolazione, nel caso specifico la scheda da 12 CFU. Qualsiasi cambiamento deviante dalla scheda dello studente dovrà in ogni caso essere concordato con il docente.  Gli argomenti mancanti verranno svolti dallo studente in autonomia, poichè le ore di lezione per 9 CFU non saranno più 60 ma 45.

Teniamo a sottolineare che questa sarà la procedura VALIDA PER LE  LINGUE CURRICULARI, cioè le due lingue scelte dallo studente il quale dovrà rifrequentare nuovamente le lezioni frontali e i lettorati delle suddette. E’ probabile che varrà anche per i casi di ampliamento-materia a scelta, per i quali però il Consiglio dovrà pronunciarsi sulla fattibilità, o meglio stabilire se sarà possibile aggiungere una lingua come materia a scelta e se si potrà fare ampliamento inserendo una terza lingua.

I vostri rappresentanti

Fabrizio Jacquin

Fabio Zuccaro

Giorgia Manno

Narjes Naili

Adriana D’Auria

 

 

Lascia un commento