[Resoconto] Consiglio di Corso di Laurea in Lingue (2161) e Mediazione (2162) – 9 Dicembre 2015

VivereLettereT

Durante la seduta di consiglio tenutasi in data 9/12/2015, tra i punti all’ordine del giorno si è discusso dei resoconti della Commissione Paritetica docenti-studenti e del Rapporto di Riesame sulla qualità dei corsi di laurea interclasse (L-11/L-12; LM-36/LM-37).

  • la Commissione Paritetica Docenti-Studenti valuta annualmente i progetti dei Corsi di Studio e pubblica, entro il 31 dicembre, una relazione annuale. Ha il compito di monitorare l’offerta formativa, la qualità della didattica e dei servizi offerti agli studenti e di individuare gli indicatori per l’autovalutazione della Scuola. La composizione e le modalità di funzionamento della Commissione sono individuate da specifico regolamento.
  • Il Rapporto di Riesame è un processo periodico e programmato che ha lo scopo di verificare l’adeguatezza degli obiettivi di apprendimento che il Corso di Studio si è proposto, la corrispondenza tra gli obiettivi e i risultati e l’efficacia del modo con cui il Corso è gestito. Include la ricerca delle cause di eventuali risultati insoddisfacenti, al fine di adottare tutti gli opportuni interventi di correzione e miglioramento. Il Riesame, annuale o ciclico, è da considerare il vero e appropriato momento di autovalutazione in cui i responsabili della gestione dei CdS fanno i conti con le proprie promesse e con i propri risultati lasciandone una documentazione scritta.

I dati di tali rapporti provengono:

  1. Dall’analisi del numero annuale di laureati e le interviste circa la loro continuità degli studi o la tempistica entro cui trovano lavoro
  2. Dai dati raccolti dai questionari degli studenti che bisogna compilare prima di ogni prenotazione della materia
  3. Dall’analisi delle schede di trasparenza di ogni docente

Il rapporto di riesame del corso di laurea magistrale in Lingue e letterature moderne dell’Occidente e dell’Oriente ha rilevato in generale risultati molto positivi circa l’indice di gradimento del corso. Tra le proposte future vi sono un miglioramento del contatto con il mondo del lavoro e un più stretto rapporto con le parti sociali (interlocutori delle istituzioni pubbliche nelle situazioni di negoziazione, concertazione o consultazione sulle materie attinenti al lavoro).

Il rapporto di riesame del corso di laurea triennale in Lingue e letterature moderne e Mediazione linguistica non mostra alcuna criticità, rilevando anzi che l’indice di gradimento del corso è sopra la media. Tra i vari interventi correttivi che il corso di laurea si prepone di attuare nel corso dell’anno accademico, entrando quindi in vigore dall’A.A. 2016/2017 vi sono:

  • L’inserimento di 6 CFU al III anno per una terza annualità di lingua
  • Miglioramento dell’offerta formativa
  • Maggiore collaborazione con le aziende incaricate di stilare i test di ammissione, al fine di ottenere delle prove più congrue ad un esame di ammissione
  • Migliorare le valutazioni finali di lingua attraverso un incremento delle prove in itinere
  • Pubblicazione annuale dei dati circa l’indice di gradimento del corso
  • Programmare nei mesi di Aprile e Maggio degli incontri con le scuole superiori per l’orientamento all’università e incontri con gli studenti iscritti al III anno accademico per il passaggio alla magistrale
  • Rafforzare i contatti con il mondo del lavoro
  • Snellire l’iter burocratico dei tirocini professionalizzanti
  • Stilare un progetto funzionale per l’inserimento delle certificazioni linguistiche

La commissione di riesame comunica inoltre che per venire incontro alle esigenze del territorio il numero di posti annuali per l’ingresso al corso di laurea triennale in Lingue e letterature moderne e Mediazione linguistica aumenterà da 213 a 320.

In ultima istanza, il corso di laurea informa che dall’A.A. 2016/2017 verrà cambiata la modalità della prova finale, presentando non più un elaborato cartaceo ma sostenendo un esame orale o scritto su un argomento a scelta dello studente, valutato in trentesimi. TALE MODIFICA TOCCHERA’ COLORO CHE SI IMMATRICOLERANNO PER LA PRIMA VOLTA NELL’A.A. 2016/17, VEDENDO QUINDI LA SUA PRIMA APPLICAZIONE PER I LAUREANDI 2018/2019.