Resoconto Consiglio Corso di Studi Lingue e Mediazione – 19 Ottobre 2015

VivereLettereT

Si sono messi in chiaro oggi i problemi relativi alle certificazioni linguistiche per le due lingue del curriculum da conseguire come requisito di laurea.

Dopo varie spiegazioni siamo riusciti a far capire che non siamo completamente in disaccordo con le certificazioni (essendo di Lingue e Mediazione ne abbiamo tutto il diritto; inoltre significa inglobare all’interno delle tasse anche l’esame per una certificazione linguistica, cosa che privatamente equivale a pagare somme molto più alte), ma che la comunicazione improvvisa (dato che i precedenti rappresentanti non ne hanno dato notizia) e la mancanza di ore, docenti e strumenti per raggiungere almeno il B2 (al momento solo per le Lingue Europee), è una notizia che ci sconvolge non poco. Né i docenti, ad eccezione di qualcuno, né il piano di studi né tanto meno il manifesto degli studi menzionano come requisito per la laurea una certificazione linguistica, esonerandoci formalmente da tale obbligo.

Il consiglio ha perciò deciso, in virtù della mancanza degli strumenti necessari, di sospendere tale delibera ed esonerare gli immatricolati 2013/14 dal conseguimento della certificazione linguistica per la laurea. Il consiglio e gli studenti lavoreranno quest’anno affinché si possa garantire il raggiungimento delle abilità necessarie per conseguire tali certificazioni, lasciando le decisioni per gli immatricolati 2014/15 e 2015/16 durante il corso dell’anno, a seconda di come procederanno i lavori.